Telefono: 0124/454611 - Fax 0124/29102 - E-Mail generica: comune@rivarolocanavese.it - PEC: rivarolocanavese@pec.it - Consulta tutti gli indirizzo PEC del Comune

UFFICI DEL COMUNE DI RIVAROLO CANAVESE

Anagrafe / Stato Civile
Titolare: dott.ssa Veronica Fornace
PEC: rivarolo_demografici@pec.it
fax diretto: 0124 29102

addetti:
Roberto Tocci
roberto.tocci@rivarolocanavese.it
numero diretto: 0124 454636
 
Nunzio Cirulli
nunzio.cirulli@rivarolocanavese.it
numero diretto: 0124 454623
 
Giovanna Cuvato
giovanna.cuvato@rivarolocanavese.it
numero diretto: 0124 454625
 
Marisa Badagliacca
marisa.badagliacca@rivarolocanavese.it
numero diretto: 0124 454649
 
centralino: 0124 454611
fax generale del Comune di Rivarolo C.se (Ufficio Protocollo): 0124 29102 
 
orario di apertura al pubblico: 
lunedì - 9.00-12.30
martedì - 9.00-12.30
mercoledì  - 9.00-12.30, 14.30-17.30
giovedì - 9.00-12.30
venerdì - 9.00-12.30

ubicazione ufficio: Palazzo comunale, ingresso da via Ivrea n. 60, pianoterra
Procedure:
ATTO DI MATRIMONIO

MODALITA' DI RICHIESTA
Il comune provvederà a richiedere i documenti necessari dopo verifica con autocertificazione compilata dai futuri sposi: copia integrale dell'atto di nascita, cumulativi di residenza, cittadinanza e stato libero.
In caso di vedovanza copia integrale dell'atto di morte del precedente coniuge.
In caso di divorzio copia integrale del precedente atto di matrimonio.
In caso di matrimonio religioso il Parroco provvederà a rilasciare una richiesta di Pubblicazione per l'Ufficio di Stato Civile.
I nubendi dovranno quindi riconsegnare al Parroco il Certificato di Eseguita Pubblicazione rilasciato dall'Ufficio di Stato Civile.
Entro 5 giorni dall'avvenuta celebrazione, il Parroco deve trasmettere all'Ufficiale dello Stato Civile l'atto di matrimonio ai fini della sua trascrizione nei Registri degli Atti di Matrimonio del Comune.
Con la trascrizione, il matrimonio assume rilevanza giuridica anche per lo Stato Italiano con decorrenza dalla sua data di celebrazione.
 
DOVE
I futuri sposi che intendono contrarre matrimonio con rito religioso (concordatario) devono recarsi dal Parroco della propria Parrocchia, per tutte le informazioni inerenti la celebrazione.

Per le informazioni inerenti le pubblicazioni civili e il conseguente rilascio del certificato di matrimonio, occorre rivolgersi all'Ufficio di Stato Civile c/o i Servizi Demografici
 
 
Ufficio Anagrafe – Via Ivrea, 60
ORARIO:
Da Lunedì a Venerdì 9.00-12.30, Mercoledì pomeriggio 14.30-17.30 Chiusura l’ultimo Lunedì del mese di Luglio per Festa Patronale.
Recapiti:
Centralino: 
0124/454611
 
Ufficio Anagrafe / Stato civile:
 
Cirulli Nunzio 0124/454623 nunzio.cirulli@rivarolocanavese.it
Tocci Roberto 0124/454636 roberto.tocci@rivarolocanavese.it
Fax 01242/9102
 
Responsabile del Settore Affari Generali:
 
Fornace Veronica 0124/454616 veronica.fornace@rivarolocanavese.it
Posta certificata: rivarolo_affarigenerali@pec.it
vv
 
D.P.R. n. 396 del 3/11/2000
Artt. 79 - 116 del codice civile

Modulistica:

AUTENTICA DI COPIE E FIRME SU DOCUMENTAZIONE

Autenticazione di copie e firme su documentazione
 
Le autenticazioni servono a comprovare l’autenticità di una firma, di una copia di un documento.
In base alle disposizioni del D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445 vengono rilasciate le seguenti autenticazioni:

Autenticazioni di copia
E’ un’attestazione di conformità ad un documento originale da parte del pubblico ufficiale autorizzato.
Può essere autenticata dal pubblico ufficiale che ha emesso il documento o presso il quale è depositato l’originale, o al quale deve essere prodotto il documento, da un notaio, cancelliere, segretario comunale, o altro funzionario incaricato dal Sindaco.

La copia autentica di un documento da presentare alle amministrazioni o ai gestori di pubblici servizi può essere fatta dal responsabile del procedimento o altro dipendente addetto competente a ricevere la documentazione, su esibizione dell’originale e senza che questo venga depositato.
Il cittadino (vedi dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà) può dichiarare la conformità all’originale della copia di un documento conservato o rilasciato da una Pubblica Amministrazione, della copia di una pubblicazione, di titoli di studio, di servizio e di documenti fiscali che è obbligato a conservare.

Autenticazione di firme
E’ l’attestazione, da parte del pubblico ufficiale autorizzato, che la sottoscrizione di atti è stata apposta in sua presenza dall’interessato, previa sua identificazione. Sono abilitati all’autenticazione un notaio, cancelliere, segretario comunale, il dipendente addetto a ricevere la documentazione o altro dipendente incaricato dal Sindaco.

L’autenticazione delle sottoscrizioni è ancora richiesta solo per le domande che riguardano la riscossione di benefici economici (pensioni, contributi, ecc.) da parte di terze persone e per le istanze e dichiarazioni rivolte ai privati.

La sottoscrizione di istanze o dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà da produrre agli organi della Pubblica Amministrazione o ai gestori di pubblici servizi non sono soggette all’autenticazione della firma, perché sono sottoscritte in presenza del dipendente addetto ovvero sottoscritte e presentate unitamente a copia fotostatica non autenticata di un documento di identità del sottoscrittore. Non è soggetta ad autenticazione la sottoscrizione di domande per la partecipazione a selezioni per l’assunzione, in tutte le P.A., nonché ad esami per il conseguimento di abilitazioni, diplomi o titoli culturali.


Autenticazione della sottoscrizione degli atti di alienazione di beni mobili registrati
Come previsto dall’art. 7 della legge n. 248/2006, l’autenticazione della sottoscrizione degli atti relativi all’alienazione di beni mobili registrati o la costituzione di diritti reali di garanzia sui medesimi, può essere richiesta, oltre che da un Notaio, al Pubblico Registro Automobilistico (PRA), all’Ufficio della Motorizzazione Civile(UMC), alle Agenzie di Pratiche Auto titolari di Sportello Telematico dell’Automobilista e negli uffici anagrafici del Comune di Torino.
 

Come

Per autenticare una copia conforme all’originale, con esclusione dei casi sopra descritti:
portare il documento originale, la copia da autenticare e un documento di riconoscimento valido. L’autenticazione, può essere richiesta anche da persona diversa dall’interessato e in Comune diverso da quello di residenza.

Per autenticare la firma solo se ancora prescritta:
presentarsi personalmente con un documento di riconoscimento valido. Salvo diversa disposizione della normativa vigente, non è possibile l’autenticazione della firma a domicilio da parte del funzionario incaricato dal Sindaco.

Per autenticare la firma sugli atti di vendita dei veicoli, il venditore deve redigere l’atto di vendita sul retro del Certificato di Proprietà, nel riquadro T, indicando i dati dell’acquirente (cognome, nome, luogo e data di nascita, indirizzo, codice fiscale) e il prezzo di vendita.
Se il veicolo rientra nella comunione dei beni tra coniugi, è consigliabile che la dichiarazione di vendita venga sottoscritta da entrambi.
Se si possiede il Foglio Complementare occorre redigere, a cura degli interessati, una dichiarazione unilaterale di vendita a parte, nella forma di scrittura privata, anche in questo caso l’ufficio comunale provvede alla sola autenticazione della firma.
In caso di procuratore, tutore o legale rappresentante di società, deve essere presentato anche l’atto che autorizza alla firma (procura, visura camerale, ecc.).
 
Avvertenza:


Con l’autenticazione della firma presso l’anagrafe, il passaggio di proprietà non è completato in quanto occorrerà chiedere la trascrizione, previo pagamento della relativa imposta, e l’aggiornamento del Certificato di Proprietà recandosi ad uno STA (Pubblico Registro Automobilistico, Ufficio Motorizzazione, Automobile Club o studi di consulenza automobilistica – agenzie pratiche auto) pertanto, rivolgendosi direttamente ad uno STA (sportello telematico dell’automobilista) si può oltre che autenticare la firma anche espletare l’intera pratica del trasferimento di proprietà.

Soltanto per gravi motivi (malattia, invalidità, ecc.) si procede all’autenticazione della firma (per esempio della delega per il ritiro della pensione) al domicilio dell’interessato, che deve essere in grado di intendere e volere ed in possesso di documento di riconoscimento valido. L’autentica della firma può essere effettuata anche in Comune diverso da quello di residenza.

Occorrente da portare:
Per tutte le autentiche di firma o dichiarazioni di copia conforme (tranne rare e limitate eccezioni), occorre portare una marca da bollo di euro 14,62 da apporre sull’atto ed esibire un documento d’identità in corso di validità.
 
 
DOVE:
Ufficio Anagrafe – Via Ivrea, 60
ORARIO:
Da Lunedì a Venerdì 9.00-12.30, Mercoledì pomeriggio 14.30-17.30. Chiusura l’ultimo Lunedì del mese di Luglio per Festa Patronale.
Recapiti:
Centralino: 
0124/454611
 
Ufficio Anagrafe / Stato civile:
 
Cirulli Nunzio 0124/454623 nunzio.cirulli@rivarolocanavese.it
Tocci Roberto 0124/454636 roberto.tocci@rivarolocanavese.it
Fax 0124/29102
 
Responsabile del Settore Affari Generali:
 
Fornace Veronica 0124/454616 veronica.fornace@rivarolocanavese.it
Posta certificata: rivarolo_affarigenerali@pec.it
 
 
 

Modulistica:
CARTA D'IDENTITA'
Dove
Ufficio Anagrafe - Via Ivrea, 60
 
Orari
Da Lunedì a Venerdì 9.00-12.30, Mercoledì pomeriggio 14.30-17.30. Chiusura l’ultimo Lunedì del mese di Luglio per Festa Patronale.
 
Recapiti
 
Centralino: 
0124/454611
 
Ufficio Anagrafe / Stato civile:
 
Cirulli Nunzio 0124/454623 nunzio.cirulli@rivarolocanavese.it
Tocci Roberto 0124/454636 roberto.tocci@rivarolocanavese.it
Fax 01242/9102
 
Responsabile del Settore Affari Generali:
 
Fornace Veronica 0124/454616 veronica.fornace@rivarolocanavese.it
Posta certificata: rivarolo_affarigenerali@pec.it
 
 
Cosa occorre portare:

  • 3 foto recenti, uguali, senza cappello
  • Carta d'identità scaduta
  • In caso di prima emissione presentarsi con un altro documento di identità non scaduto.
 Notizie utili: Avviso nuova scadenza carta d'identità

Sulla Gazzetta Ufficiale n.147/2008 - Supplemento Ordinario è stato pubblicato il decreto legge n.112 del 25 giugno 2008 che all'articolo 31 dispone la proroga della durata di validità della carta di identità da 5 a 10 anni.
 
Viene inoltre disposto che anche le carte d'identità emesse con decorrenza 26.06.2003 al 25/06/2008 non vengano rinnovate, ma semplicemente convalidate con un timbro di proroga (GRATUITO) apposto dall'Ufficio Anagrafe del Comune di residenza.
Il Ministero dell’Interno con circolare n. 23 del 28/07/2010 informa che vi sono state segnalazioni di disagi provocati dal mancato riconoscimento, da parte delle Autorità di frontiera di un significativo numero di paesi esteri, del documento di identità convalidato con un timbro di proroga. Pertanto “ritiene che si possa procedere alla sostituzione della carta di identità da prorogare o già prorogata, seppur valida, con una nuova carta di identità la cui validità decennale decorrerà dalla data di rilascio”.
 
Ai sensi dell'art. 7 del decreto legge 9/2/2012 pubblicato sulla G.U. n° 33 del 9/2/2012, tutte le carte d'identità sono rilasciate o rinnovate con validità fino alla data, corrispondente al giorno e mese di nascita del titolare, immediatamente successiva alla scadenza che sarebbe altrimenti prevista per il documento medesimo.
 
Costo
  • € 5,42 Diritti :

- per carte d’identità di prima emissione

- per rinnovo di carte in scadenza 

- in caso di duplicato per Furto; occorre inoltre presentare originale o copia conforme della denuncia inoltrata ai Carabinieri ed un documento di riconoscimento.

  • € 10,58 Diritti:
    - Per Smarrimento: occorre presentare originale o copia conforme della denuncia inoltrata ai carabinieri ed un documento di riconoscimento.

- Per Deterioramento: occorre presentare il vecchio documento di riconoscimento per ottenere il nuovo.

CARTA D'IDENTITA': espatrio minori
Dove Presentarsi:
Ufficio Anagrafe - Via Ivrea, 60
 
Orario:
Da Lunedì a Venerdì 9.00-12.30, Mercoledì pomeriggio 14.30-17.30. Chiusura l’ultimo Lunedì del mese di Luglio per Festa Patronale.
 
Recapiti:
Centralino:
0124/454611
 
Ufficio Anagrafe / Stato civile:
Cirulli Nunzio 0124/454623    nunzio.cirulli@rivarolocanavese.it
Tocci Roberto 0124/454636  roberto.tocci@rivarolocanavese.it
 
Responsabile del Settore Affari Generali:
Fornace Veronica 0124/454616 veronica.fornace@rivarolocanavese.it
Posta certificata: rivarolo_affarigenerali@pec.it
 
 
 Modalità di richiesta:
Costo:
€ 5,42

 
 

  • PROCEDURA: presentarsi all’Ufficio Anagrafe con il Minore e n°3 fotografie uguali (con il solo viso del minore, senza giocattoli, altri oggetti o altre persone).
  • SCADENZA: La carta d’identità può essere rilasciata senza limite di età;  
    Ai sensi dell'art. 7 del decreto legge 9/2/2012, pubblicato sulla G.U. n°33 del 9/2/2012, tutte le carte d'identità sono rilasciate o rinnovate con validità fino alla data, corrispondente al giorno e mese di nascita del titolare, immediatamente successiva alla scadenza che sarebbe altrimenti prevista per il documento medesimo.
    • Per i minori da 0 a 3 anni ha validità 3 anni;
    • Per i minori di età compresa tra i 3 ed i 18 anni ha validità 5 anni.
    • FIRMA: La carta d’identità dovrà riportare la firma del minore che abbia già compiuto 12 anni.
    • ESPATRIO:
      • Per ottenere la carta d’identità valida per l’espatrio occorre l’atto di assenso firmato da entrambi i genitori (si possono anche presentare separatamente) al momento del rilascio e la presenza del minore.
      • Se il minore di 14 anni è accompagnato all’estero da uno od entrambi i genitori si consiglia di munirsi oltre che della carta d’identità valida per l’espatrio, anche di un certificato di nascita con paternità e maternità o di fare indicare paternità e maternità direttamente sulla carta d’identità del minore al momento del rilascio della stessa.
      • Se il minore di 14 anni è accompagnato all’estero da altra persona occorre apposita dichiarazione di chi dà l’assenso, con l’indicazione del nome dell’accompagnatore, convalidata dalla questura; per la modulistica: http://img.poliziadistato.it/docs/modello_unificato_di_accompagno14.pdf
    • STRANIERI: si rilasciano carte d’identità non valide per l’espatrio ai minori stranieri applicando le stesse disposizioni sopracitate riguardanti la procedura, la scadenza e la firma. 
CERTIFICATI ANAGRAFICI
I certificati anagrafici vengono rilasciati dall'Anagrafe di residenza.
L'estratto di nascita viene sempre rilasciato dal comune di nascita oppure ove tale atto è stato trascritto, indipendentemente dalla residenza.
 
NB: se il certificato non è richiesto dall'interessato ma da persona diversa questi deve, al momento della richiesta, compilare un modulo dove vengono riportati i suoi dati; Se nel certificato è richiesta l'indicazione della maternità o paternità in questo caso il certificato può essere richiesto solo dal soggetto interessato.
 
Dove:
Ufficio Anagrafe – Via Ivrea, 60
 
Orario:
Da Lunedì a Venerdì 9.00-12.30, Mercoledì pomeriggio 14.30-17.30. Chiusura l’ultimo Lunedì del mese di Luglio per Festa Patronale.
 
Recapiti:
Centralino: 
0124/454611
 
Ufficio Anagrafe / Stato civile:
 
Cirulli Nunzio 0124/454623 nunzio.cirulli@rivarolocanavese.it
Tocci Roberto 0124/454636 roberto.tocci@rivarolocanavese.it
Fax 01242/9102
 
Responsabile del Settore Affari Generali:
 
Fornace Veronica 0124/454616 veronica.fornace@rivarolocanavese.it
Posta certificata: rivarolo_affarigenerali@pec.it
 
Validità':
I certificati hanno validità sei mesi, fanno eccezione i certificati relativi a situazioni personali che non cambiano nel tempo (nascita, morte, titoli di studio) i quali non scadono mai.
I certificati anagrafici, le certificazioni dello stato civile, gli estratti e le copie integrali di stato civile sono ammessi anche oltre i termini di validità nel caso in cui l'interessato dichiari, in fondo al documento, che le informazioni contenute nel certificato non hanno subito variazioni dalla data del rilascio.
DISPOSIZIONI PER IL RILASCIO DEI CERTIFICATI E DELLE DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE:
Sono state introdotte nuove disposizioni in materia di certificati e dichiarazioni sostitutive in vigore dal 01/01/2012 (art.15 L.12/11/2011, n. 183):
  • PRIVATI: Le certificazioni rilasciate dalla Pubblica Amministrazione in ordine a stati, qualità personale e fatti dono valide e utilizzabili solo nei rapporti tra privati.
  • PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: Nei rapporti con gli organi della Pubblica Amministrazione e i gestori di pubblici servizi, i certificati sono sempre sostituiti da dichiarazioni sostitutive di certificazione o dall’atto di notorietà.
  • CERTIFICATI: Sui certificati è stata apposta la dicitura “Il presente certificato non può essere prodotto agli Organi della Pubblica Amministrazione o ai Privati Gestori di Pubblici Servizi”. Sono esclusi gli organi giudiziari.
Costo:
Se richiesto in bollo Euro 14,62 + 0,52 di diritti segreteria.
Se richiesto per un uso dichiarato esente per Legge Euro 0,26.
Certificati o estratti si Stato Civile: sempre esenti da bollo e da qualsiasi diritto di segreteria.
 
Normativa di riferimento
Legge n° 127 del 1997 (Bassanini)
Legge n°183 del 12/11/2011 art. 15
CERTIFICATI ED ESTRATTI DI STATO CIVILE - LEGALIZZAZIONE DI FOTOGRAFIA

Certificato ed Estratto di matrimonio

Riportano le notizie ricavate dall`atto di matrimonio. L`estratto è più completo perché riporta anche le annotazioni marginali (per esempio separazione patrimoniale fra i coniugi, sentenza di cessazione degli effetti civili, ecc.).
 

Certificato di nascita, Estratto di nascita
 
Il certificato e l`estratto di nascita riportano le notizie ricavate dall`atto di nascita del registro di stato civile. L`estratto è completo perchè comprende le annotazioni marginali (per esempio matrimonio, decesso).

Il certificato di nascita ha validità di 6 mesi.

Il luogo e la data di nascita possono essere dimostrati con un documento di riconoscimento se al momento della presentazione di una istanza alla Pubblica amministrazione o ai gestori di pubblici servizi ne venga richiesta l`esibizione.

Le certificazioni anagrafiche e di stato civile vengono rilasciate al diretto interessato o a persona munita di delega corredata dalla fotocopia di un documento di riconoscimento. Diversamente viene richiesta la compilazione di apposito modulo dove dovranno essere indicate le motivazioni per le quali la legge ne consente il rilascio.
 

Certificato ed Estratto di morte

Riportano le notizie ricavate dall`atto di morte. L`estratto è più completo del certificato perché è indicata l`ora del decesso. Hanno validità illimitata.
 
 
Tutti i certificati di stato civile sono sostituiti dall`autocertificazione nei rapporti con gli organi della pubblica amministrazione e i gestori di pubblici servizi.
 
Tutti i certificati e gli estratti di stato civile sono esenti in modo assoluto dall’imposta di bollo e dai diritti di segreteria.
 
D.P.R. n. 396 del 3/11/2000
 
 

CHI PUO' CHIEDERE I CERTIFICATI
Il certificato di residenza e di stato di famiglia possono essere rilasciati a chiunque ne faccia richiesta (art. 33, comma 1, DPR 223/1985). Gli altri certificati possono essere rilasciati solamente se non vi ostano particolari motivi (art. 33, comma 2, DPR 223/1985).

 

COME FARE
Per ottenere un certificato anagrafico è possibile richiederlo direttamente ai SERVIZI DEMOGRAFICI del Comune che lo rilascia immediatamente. E' necessario presentarsi allo sportello dotati di un documento di identità valido.

 
I certificati, quando richiesti all'ufficio anagrafe, devono essere rilasciati in bollo 'sin dall'origine' (D.P.R. 642/72) per cui il bollo è la regola, mentre la 'carta semplice' è l'eccezione, pena l'evasione del tributo di bollo.

Facendo l'autocertificazione, invece, non è dovuta l'imposta di bollo.
I certificati anagrafici di norma sono rilasciati in bollo (€ 14,62) tranne nei CASI DI ESENZIONE.
Oltre al bollo devono essere versati i diritti di segreteria nella misura di:€ 0,26 per i certificati in carta libera e di € 0,52 per i certificati in bollo (per alcuni usi particolari è prevista anche l'esenzione dai diritti di segreteria).
 
Il bollo è una imposta riscossa dallo Stato in connessione alla formazione o all'uso di atti, certificati, registri o documenti individuati nella normativa vigente.
I diritti di segreteria sono un corrispettivo versato al Comune per una attività da esso svolta. La misura dei diritti di segreteria per le pratiche demografiche è fissata dalla Tabella D allegata alla legge 8 giugno 1962, n° 604 e successive modificazioni ed integrazioni.
L'utilizzo di certificati rilasciati in esenzione da bolli e spese per fini diversi da quelli indicati sul certificato è una violazione della normativa fiscale vigente.
L'articolo 22 del DPR 26 ottobre 1972, n° 642 stabilisce che sono SOLIDALMENTE OBBLIGATI al pagamento dell'imposta e delle eventuali soprattasse e pene pecuniarie tutti i soggetti che hanno sottoscritto, ricevuto, accettato o negoziato atti e documenti non in regola con l'imposta o che degli stessi facciano uso.
la responsabilità per il mancato pagamento del bollo ricade sul richiedente, su chi ha firmato l'atto e sul funzionario ricevente che non provvede a trasmettere l'atto irregolare all'ufficio del registro. La sanzione prevista va da 2 a 10 volte l'importo evaso più la marca prevista.
Non è nella facoltà del richiedente il certificato decidere se l'atto vada in bollo oppure in carta libera e neppure discrezione degli uffici che richiedono o rilasciano atti.
 
 
 Legalizzazione di fotografia.
 
 
Le fotografie, presentate personalmente dall`interessato munito di un documento di riconoscimento, sono legalizzate dalle amministrazioni competenti per il rilascio di documenti personali. Su sua richiesta le fotografie possono essere anche legalizzate dal dipendente incaricato dal Sindaco.
La legalizzazione delle fotografie non è soggetta al pagamento dell`imposta di bollo.

Come

Per ottenere la legalizzazione di fotografia occorre la presenza della persona interessata, con una fototessera ed un documento di riconoscimento valido.

I minorenni devono presentarsi con due foto tessera, accompagnati dal genitore o tutore munito di documento di identità valido.
 
D.P.R n. 223 del 30/05/1989
D.P.R n. 445 del 28/12/2009
 
 
 
DOVE:
Ufficio Anagrafe – Via Ivrea, 60
 
ORARIO:
Da Lunedì a Venerdì 9.00-12.30, Mercoledì pomeriggio 14.30-17.30. Chiusura l’ultimo Lunedì del mese di Luglio per Festa Patronale.
 
Recapiti:
Centralino: 
0124/454611
 
Ufficio Anagrafe / Stato civile:
 
Cirulli Nunzio 0124/454623 nunzio.cirulli@rivarolocanavese.it
Tocci Roberto 0124/454636 roberto.tocci@rivarolocanavese.it
Fax 01242/9102
 
Responsabile del Settore Affari Generali:
 
Fornace Veronica 0124/454616 veronica.fornace@rivarolocanavese.it
Posta certificata: rivarolo_affarigenerali@pec.itv
CITTADINANZA

CITTADINANZA
 
Il cittadino straniero cui viene notificato il decreto del Ministro dell’Interno o del Presidente della Repubblica di conferimento della cittadinanza italiana deve recarsi all’ufficio anagrafe del Comune per fissare l’appuntamento per rendere il giuramento.
 
Il cittadino straniero nato in Italia e che ha soggiornato nel nostro Paese regolarmente fino al compimento del diciottesimo anno di età, può rendere la dichiarazione di volontà per l’acquisto della cittadinanza italiana, fino al compimento del diciannovesimo anno di età.
 
Legge n. 91 del 05/02/1992
D.P.R. n. 572 del 12/10/1993
 
 
DOVE:
Ufficio Anagrafe – Via Ivrea, 60
ORARIO:
Da Lunedì a Venerdì 9.00-12.30, Mercoledì pomeriggio 14.30-17.30. Chiusura l’ultimo Lunedì del mese di Luglio per Festa Patronale.
Recapiti:
Centralino: 
0124/454611
 
Ufficio Anagrafe / Stato civile:
 
Cirulli Nunzio 0124/454623 nunzio.cirulli@rivarolocanavese.it
Tocci Roberto 0124/454636 roberto.tocci@rivarolocanavese.it
Fax 01242/9102
 
Responsabile del Settore Affari Generali:
 
Fornace Veronica 0124/454616 veronica.fornace@rivarolocanavese.it
Posta certificata: rivarolo_affarigenerali@pec.it

DENUNCIA DI NASCITA
Denuncia di nascita di figli legittimi:
 
Può essere resa da uno dei due genitori, da un procuratore speciale, da un medico o ostetrica o da qualsiasi altra persona che abbia assistito al parto:

  • entro tre giorni presso la direzione sanitaria dell'ospedale o della casa di cura;
  • entro dieci giorni innanzi all'ufficiale dello Stato Civile del comune ove è avvenuto il parto o presso l'ufficio dello Stato Civile del comune di residenza dei genitori (in questo ultimo caso la facoltà è esercitabile soltanto dai genitori).
Denuncia di nascita figli naturali:
 
La denuncia di nascita dei figli naturali (nati da persone non coniugate fra di loro) deve essere fatta da entrambi i genitori in quanto comporta il riconoscimento del bambino.
 
 
Norme generali

A seguito dell`entrata in vigore della legge 15.5.1997 n. 127 non è più necessaria la presenza dei due testimoni in sede di dichiarazione di nascita.

E` vietato ai sensi dell`art. 34 DPR 396/00 imporre al bambino lo stesso nome del padre vivente, di un fratello e di una sorella e nomi e cognomi ridicoli, vergognosi o contrari all`ordine pubblico.

Per i nati all`estero

L`Ufficio provvede alla trascrizione degli atti di nascita avvenute all`estero su richiesta dei Consolati Italiani o delle parti interessate, previo accertamento dei requisiti e controllo delle pratiche stesse (traduzione e legalizzazione dove necessaria).
Completato l`iter da parte del Tribunale per i Minorenni, si trascrivono le sentenze di adozione nazionali ed internazionali, su richiesta dello stesso o dei genitori adottivi residenti, previo controllo delle pratiche.
Si trascrivono inoltre i decreti e le sentenze straniere in materia di volontaria giurisdizione L. 218/1995 'Diritto Internazionale Privato'.
Si trascrivono i decreti di cambio o aggiunta cognome e nome.

Riconoscimento del figlio

La documentazione viene acquisita d`ufficio su richiesta degli interessati.
Su appuntamento si procede alla stesura dell`atto.
 

 
D.P.R. n. 396 del 3/11/2000
 
 
DOVE:
Ufficio Anagrafe – Via Ivrea, 60
 
ORARIO:
Da Lunedì a Venerdì 9.00-12.30, Mercoledì pomeriggio 14.30-17.30. Chiusura l’ultimo Lunedì del mese di Luglio per Festa Patronale.
 
Recapiti:
Centralino: 
0124/454611
 
Ufficio Anagrafe / Stato civile:
 
Cirulli Nunzio 0124/454623 nunzio.cirulli@rivarolocanavese.it
Tocci Roberto 0124/454636 roberto.tocci@rivarolocanavese.it
Fax 01242/9102
 
Responsabile del Settore Affari Generali:
 
Fornace Veronica 0124/454616 veronica.fornace@rivarolocanavese.it
Posta certificata: rivarolo_affarigenerali@pec.it
 
 
DIVORZIO ESTERO, NULLITA' DI MATRIMONIO

Divorzio estero

La sentenza di divorzio pronunciata all`estero tra due cittadini di cui uno italiano, per essere riconosciuta in Italia, deve essere trascritta.

Come

CHI PUO’ FARE LA RICHIESTA
La trascrizione può essere domandata dall’interessato, da chi ne abbia interesse o dall’Autorità Diplomatica o Consolare.
La trascrizione di una sentenza è vietata se le disposizioni contenute producono effetti contrari all’ordine pubblico.

Per richiedere la trascrizione occorre presentare:
· Atto di matrimonio iscritto o trascritto nel Comune ovvero iscritto o trascritto nel Comune di iscrizione AIRE del cittadino italiano.
· Copia della sentenza di divorzio debitamente tradotta e legalizzata.
Se la sentenza è stata emessa in un Paese aderente alla Convenzione dell’Aja del 5/10/61, è esente dalla legalizzazione ma dovrà essere munita del timbro “Apostille”
Per le sentenze emesse in uno Stato Membro della Comunità Europea potrà essere prodotto il “Certificato relativo alle decisioni in materia matrimoniale” di cui all’art.39 del Regolamento CE 2201/2003
In questo caso non è necessaria alcuna traduzione o legalizzazione.

· Istanza di trascrizione

· Documento di identità

Relativamente alla legalizzazione dei documenti, vista la varietà dei casi, contattare sempre prima l’ufficio trascrizioni.

A trascrizione avvenuta, sarà cura dell’ufficio l’annotazione dello stesso sull’atto di matrimonio e il relativo inserimento anagrafico per l’aggiornamento della certificazione.
 
DOVE:
Ufficio Anagrafe – Via Ivrea, 60
 
ORARIO:
Da Lunedì a Venerdì 9.00-12.30, Mercoledì pomeriggio 14.30-17.30. Chiusura l’ultimo Lunedì del mese di Luglio per Festa Patronale.
 
Recapiti:
Centralino: 
0124/454611
 
Ufficio Anagrafe / Stato civile:
 
Cirulli Nunzio 0124/454623 nunzio.cirulli@rivarolocanavese.it
Tocci Roberto 0124/454636 roberto.tocci@rivarolocanavese.it
Fax 01242/9102
 
Responsabile del Settore Affari Generali:
 
Fornace Veronica 0124/454616 veronica.fornace@rivarolocanavese.it
Posta certificata: rivarolo_affarigenerali@pec.it

Modulistica:
RICHIESTA DI RESIDENZA - VARIAZIONI DI INDIRIZZO IN RIVAROLO CANAVESE

Ai sensi dell'articolo 5 del decreto legge 9/2/2012 n. 5 convertito in legge 4 aprile 2012 n. 35 sono state introdotte nuove disposizioni in materia anagrafica. 

RICHIESTA DI RESIDENZA

per la richiesta di residenza nel comune di Rivarolo Canavese con provenienza da altro comune, o dall’estero, è necessario:
 

  • Compilazione del modello di dichiarazione di residenza disponibile nell’ufficio anagrafe o scaricabile in allegato, sottoscritto da tutti i componenti maggiorenni della famiglia, comprensivo dei dati della patente di guida e della targa dei veicoli di proprietà degli interessati alla richiesta, cui occorre allegare;
  • La carta d’identità del richiedente e di tutte le persone che trasferiscono la residenza (ad esclusione dei minori di anni 18 se non ne sono  in possesso);
  • Il Codice fiscale (tessera sanitaria blu) di tutti coloro che trasferiscono la residenza;
 
Inoltre, per i cittadini stranieri (extracomunitari):
  • Permesso di soggiorno e passaporto in corso di validità;
  • Nel caso si sia in attesa del rilascio di permesso di soggiorno, occorre presentare:
    1.  il passaporto con regolare visto di ingresso per motivi di lavoro o di ricongiungimento familiare;
    2.  nulla osta per lavoro o ricongiungimento familiare rilasciato dallo sportello unico dell’immigrazione della Prefettura di Torino;
    3.  ricevuta della richiesta del permesso di soggiorno.
  

VARIAZIONI DI INDIRIZZO IN RIVAROLO CANAVESE
 
Per la richiesta di variazione di indirizzo in Rivarolo Canavese, è necessario:


  • Compilazione del modello di dichiarazione di cambiamento di abitazione nell'ambito dello stesso Comune disponibile nell’ufficio anagrafe o scaricabile in allegato, sottoscritto da tutti i componenti maggiorenni della famiglia, comprensivo dei dati della patente di guida e della targa dei veicoli di proprietà degli interessati alla richiesta, cui occorre allegare;
  • La Carta d’identità del richiedente;
 Le richieste possono essere presentate:
 
1)  Direttamente allo sportello:

DOVE:
Ufficio Anagrafe – Via Ivrea, 60
ORARIO:
Da Lunedì a Venerdì 9.00-12.30, Mercoledì pomeriggio 14.30-17.30. Chiusura l’ultimo Lunedì del mese di Luglio per Festa Patronale.
 
2) Per raccomandata da inviare al Comune di Rivarolo Canavese - Ufficio Anagrafe Via Ivrea, 60 - 10086
3) Via telefax al seguente numero: 0124/29102
4) Via telematica al seguente indirizzo di posta elettronica: comune@rivarolocanavese.it
rispettando una delle seguenti condizioni:
 
    a. che la dichiarazione sia sottoscritta con firma digitale
    b. che l'autore sia identificato dal sistema informatico con l'uso della carta d'identità elettronica, della carta    nazionale dei servizi, o comunque con strumenti che consentano l'individuazione del soggetto che effettua la dichiarazione,
   c. che la dichiarazione sia trasmessa attraverso la casella di posta elettronica certificata del dichiarante.
   d. che la copia della dichiarazione recante la firma autografa e la copia del documento d'indentità del dichiarante siano acquisite mediante scanner e trasmesse mediante posta elettronica semplice.
 
Recapiti:
Centralino: 
0124/454611
 
Ufficio Anagrafe / Stato civile:
 
Cirulli Nunzio 0124/454623 nunzio.cirulli@rivarolocanavese.it
Tocci Roberto 0124/454636 roberto.tocci@rivarolocanavese.it
Fax 01242/9102
 
Responsabile del Settore Affari Generali:
 
Fornace Veronica 0124/454616 veronica.fornace@rivarolocanavese.it
Posta certificata: rivarolo_affarigenerali@pec.it
 

Modulistica:
TRASFERIMENTO ALL'ESTERO E ISCRIZIONE ALL'AIRE.
 
I cittadini italiani che si trasferiscono all`estero per periodi non inferiori a un anno devono iscriversi all`Aire (Anagrafe italiani residenti all`estero).

Entro tre mesi devono presentarsi presso l`Ufficio Consolare Italiano del Paese in cui si sono trasferiti per presentare la dichiarazione d`immigrazione.

L`iscrizione all`Aire consente di ottenere certificati anagrafici e altri documenti (per esempio, la carta d`identità) e di non perdere i diritti elettorali.
L`Aire inoltre registra anche i cittadini italiani o che sono nati all`estero e hanno mantenuto la cittadinanza italiana.

 
 
Legge n. 470 del 27/10/1988
 
 
DOVE:
Ufficio Anagrafe – Via Ivrea, 60
ORARIO:
Da Lunedì a Venerdì 9.00-12.30, Mercoledì pomeriggio 14.30-17.30. Chiusura l’ultimo Lunedì del mese di Luglio per Festa Patronale.
Recapiti:
Centralino: 
0124/454611
 
Ufficio Anagrafe / Stato civile:
 
Cirulli Nunzio 0124/454623 nunzio.cirulli@rivarolocanavese.it
Tocci Roberto 0124/454636 roberto.tocci@rivarolocanavese.it
Fax 01242/9102
 
Responsabile del Settore Affari Generali:
 
Fornace Veronica 0124/454616 veronica.fornace@rivarolocanavese.it
Posta certificata: rivarolo_affarigenerali@pec.it

TESTO RICERCATO: